Alcatraz: dopo Lost un’altra isola per J.J. Abrams

Di , scritto il 29 Novembre 2011

alcatraz_abrams_poster_foxC’è grande attesa per la prossima serie televisiva pensata e organizzata da J.J. Abrams: Alcatraz esordirà in USA nel prossimo gennaio e nonostante alcuni problemi produttivi tutto ora sembra procedere al meglio e i primi report di chi ha potuto vedere il pilot sembrano essere tutti positivi.

Scritto fra gli altri da Elizabeth Sarnoff che in seguito ha abbandonato il tutto ed è stata sostituita con Daniel Pyne e Jennifer Johnson, Alcatraz segna il ritorno di Abrams in un ambiente a lui caro: l’isola.
Questa volta si tratta però di un luogo storico e “reale”, ma non mancano i misteri e i paradossi, anzi, si parte proprio con uno di questi, ovvero la sparizione, nel 1963, di 302 fra guardie e prigionieri.

Da questo avvenimento ecco poi spuntare nella Alcatraz contemporanea un detenuto scomparso all’epoca, che si farà strada fino a San Francisco per vendicarsi di un torto. Spetterà a un poliziotto dell’isola, insieme a un esperto di Alcatraz, cercare di fermare il fuggitivo e i due dovranno anche confrontarsi con un misterioso agente federale che sembra sapere qualcosa delle sparizioni…

Solidissimo il cast scelto per questa serie, con nomi quali Jeffrey Pierce, Sarah Jones, Jorge Garcia e il grande Sam Neill a vestire i panni dell’agente federale. Il breve trailer a disposizione non dice molto ma rassicura sul livello qualitativo di certi aspetti della produzione.

Ovviamente quando si parla di Abrams, Lost, isole e paradossi temporali in molti provano un brivido pensando alla grossa delusione dell’ultima stagione di Lost, ma guardando alla carriera di Abrams ci sembra il minimo concedergli ancora un po’ di fiducia.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009