Sam Worthington sarà Dracula?

Di , scritto il 27 Gennaio 2010

In questi anni i romanzi e i film sui vampiri hanno ormai stabilmente occupato librerie e sale cinematografiche ed era solo questione di tempo prima che venisse messo in cantiere un progetto dal budget importante che riguardasse non tanto qualche succhiasangue generico ma nientemeno che Dracula, il vampiro più famoso di tutti.

Tocca ad Alex Proyas che riuscirà con ogni probabilità a dar (non)vita a un suo vecchio chiodo fisso, Dracula: Year Zero. Da tempo Proyas avrebbe voluto girare un film riguardante le origini di Dracula, il suo passaggio da temuto dittatore a mostro non-morto, da Vlad “The Impaler” a qualcosa di infinitamente più letale.

Ed è difficile immaginare qualcuno più adatto di questo filmaker, che già ci ha regalato atmosfere oscure sia ne Il Corvo che in Dark City e che se in questo progetto otterrà il giusto appoggio da parte della produzione potrebbe riuscire a realizzare una pellicola fondamentale nella mitologia vampirica, un lungometraggio che sappia mischiare figure storiche a miti, epica e orrore.

Per ora il tutto rimane ancora parcheggiato in pre-produzione, ma vista la corsa hollywoodiana a film di questo tipo è facile prevederne una pronta realizzazione.
Curioso il nome dell’attore in pole position nella corsa per vestire i panni del Principe delle Tenebre: si tratta di Sam Worthington, recentemente visto in Avatar e che si avvia a diventare un volto molto noto all’interno del genere fantastico.
Certo non è il viso cui si pensa normalmente quando ci si immagina Vlad Tepes, no?
Voi cosa ne pensate? Vi sembra l’attore adatto per interpretare Dracula? Oppure, chi avreste scelto al suo posto?

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009