Old Man & The Gun – il film con cui Robert Redford chiude la sua carriera

Di , scritto il 10 Dicembre 2018

Old Man & The Gun, scritto e diretto da David Lowery, è un film è basato su una storia vera: quella di Forrest Tucker, un criminale inveterato e un maestro nell’arte delle evasioni dal carcere. Il film conta su un cast stellare: Robert Redford, Casey Affleck, Sissy Spacek, Danny Glover e Tom Waits. E soprattutto passerà alla storia per essere la pellicola con cui il grande Robert Redford (82 anni) mette la parola fine alla sua straordinaria carriera.

Ma prima qualcosa sulla trama: Forrest Tucker è un rapinatore di banche “seriale”. A 77 anni ha già collezionato 16 evasioni, inclusa quella da un carcere “sicuro” come San Quintino; eppure non vuole smettere di organizzare colpi unici nel loro genere, con la complicità di due soci. Forrest sfrutta il suo fascino e il suo sangue freddo, non porta mai con sé un’arma, eppure continua a entrare nelle banche uscendone con delle borse piene di dollari. Peccato però che un poliziotto abbia deciso di occuparsi di lui.

La sceneggiatura e le inquadrature del film sembrano scritte e pensate su misura proprio per Robert Redford. Sicuramente Lowery conosce a menadito la filmografia del protagonista e si diverte a farne delle citazioni. Ad esempio, qualsiasi spettatore che abbia visto L’uomo che sussurrava ai cavalli o Il cavaliere elettrico noterà le rivisitazioni, anche se il ruolo del rapinatore fa ritornare con la mente al Butch Cassidy di The Sundance Kid.

Tucker è forse l’ultimo rapinatore gentiluomo della storia del crimine nel Nordamerica e Robert Redford, pur con un viso rugoso e incartapecorito continua a recitare con enorme passione.

Il trailer ufficiale italiano:



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009