The Goob, il ‘western psicologico’ di Guy Mihill

Di , scritto il 08 Settembre 2014

The Goob VeneziaThe Goob, opera prima dell’inglese Guy Myhill, è a nostro avviso uno dei dieci migliori film presentati a Venezia. Il cinema indipendente britannico, come al solito non delude. Intendiamoci, non è perfetto, ma riesce a lasciare delle emozioni forti negli spettatori.

La pellicola ha toni forti; comincia con scene di gioia tra giovani, ma l’angoscia vi è già presente, così come il dramma interiore dei personaggi. La trama è ambientata nella contea del Norfolk durante dei mesi estivi insolitamente caldi. Goob Taylor è un sedicenne che durante le vacanze aiuta la madre nella gestione di un bar per braccianti agricoli. Ora però la donna ha un nuovo compagno inquietante e tirannico, Gene Womack, e il gioco dei rapporti si complica con gelosie e inversioni di ruoli. La donna è troppo debole, il patrigno è aggressivo, ci prova con tutte le altre donne, i due figli maschi soffrono nel vedere la sua umiliazione. Eppure anche quest’uomo violento è un debole, perché può soltanto farsi amare con la costrizione.

Sono tutti validissimi gli attori, soprattutto il giovanissimo Liam Walpole (per la prima volta davanti alla cinepresa nei panni di Goob) e Sean Harris che interpreta il padre cattivo con una trasformazione totale dalla sua reale personalità. Il film è avaro di dialoghi e ricco di gesti pieni di significato (abbracci di disperazione, giochi e balli liberatori).

Il film sembra rimanere sospeso e irrisolto su alcuni punti dopo averli aperti, ma anche questa è una metafora della difficoltà del vivere e del senso di inadeguatezza. Resta comunque il messaggio di speranza in tutta questa sofferenza: forse Goob ce la farà a scappare e a raggiungere la libertà.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009