Gli ingranaggi del Terminator

Di , scritto il 26 Maggio 2009

Christian Bale in TerminatorQuanta strada ha fatto Terminator da quel fantastico giorno di circa 25 anni fa quando un regista non ancora di successo e un ex body builder lo portarono al successo mondiale il primo film di questa franchise.
Da allora Terminator non si è più fermato: tre film al cinema, serie televisive, videogiochi, fumetti, merchandise, siti dedicati e tanto altro ancora.

E, finalmente, McG ci regalerà l’attesissimo quarto capitolo della saga, che ha il dovere di farci dimenticare l’episodio precedente che a livello di critica e pubblico non ha certo soddisfatto quanto i primi due.

Il regista può contare su un professionista di sicuro richiamo come Christian Bale e sembrano esserci tutte le premesse per un nuovo successo mondiale, sebbene il progetto giunga nelle sale italiane parzialmente oscurato da alcuni problemi: il nervosismo dello stesso Bale durante le riprese, i tagli imposti a McG per ottenere un buon visto di censura, le prime critiche statunitensi che parlano di un buon film d’azione che però non riesce a stare a livello con i due episodi firmati Cameron.

Staremo a vedere fra pochissimo, nel frattempo giusto due cifre, tanto per renderci conto cosa hanno combinato i precedenti modelli di Terminator e la soglia minima che ci si aspetta dal lavoro di McG.

Terminator
Data di uscita: Ottobre 1984
Budget: 6,5 milioni di dollari
Incasso mondiale: 78 milioni di dollari

Terminator 2: Judgment Day
Data di uscita: Luglio 1991
Budget: 102 milioni di dollari
Incasso mondiale: 519 milioni di dollari

Terminator 3: Rise of the Machines
Data di uscita: Luglio 2003
Budget: Fra i 170 e i 200 milioni di dollari
Incasso mondiale: 433 milioni di dollari



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009