Home » 80 anni di Martin Scorsese: 10 curiosità sulla carriera del famoso regista

80 anni di Martin Scorsese: 10 curiosità sulla carriera del famoso regista

Festeggia oggi, 17 novembre 2022, il regista americano di origine italiana, più famoso di sempre. Stiamo parlando del grande Martin Scorsese, che oggi spegne 80 candeline. Le sapete queste 10 curiosità su di lui?

Martin Scorsese è nato a New York il 17 novembre 1942, i suoi nonni entrambi di origini palermitane, in cerca di un futuro migliore per i propri figli si sono poi trasferiti nella Grande Mela. Dopo una gavetta più o meno lunga, Scorsese ha iniziato a farsi conoscere grazie a film di culto, arrivando poi a quelli che tutti noi conosciamo. In molti ovviamente sono presenti i suoi due attori “preferiti”, che Martin ha sempre ingaggiato, stiamo parlando del grande Robert De Niro e Leonardo Di Caprio.

Martin Scorsese 80 anni oggi
Martin Scorsese Solocine.it

Con questi due attori, Martin Scorsese si è potuto distinguere alla regia grazie a film come Quei bravi ragazzi, Taxi Driver, Toro Scatenato, Gangs of New York, The Aviator, Shutter Island e così via. Non basterebbe un solo articolo per poter descrivere tutti i film di successo diretti da Scorsese, per non parlare dei premi e delle onorificenze ricevute nel corso dei suoi anni lavorativi. 80 anni oggi e il regista non ne vuole ancora sapere di andare in pensione.

In attesa infatti, del prossimo film Killers of the Flower Moon, in uscita nelle sale il 23 gennaio 2023 con i suoi due attori di punta Robert De Niro e Leonardo Di Caprio, vogliamo svelarvi 10 curiosità sulla sua carriera di regista.

Non tutti sanno che…

Non tutti sanno che Martin Scorsese ha diretto alcuni tra i più grandi film di sempre. Vere e proprie pietre miliari del cinema che hanno ricevuto un punteggio molto elevato dalla critica, nonché Oscar e molteplici premi. Oltre a quelli già descritti in precedenza abbiamo New York, New York, Re per una notte, Il colore dei soldi, L’età dell’innocenza, Casinò, The Departed, Hugo Cabret. Martin Scorsese è una specie di Re Mida in quanto tutto quello che tocca diventa oro. Non è stato solo uno tra i migliori registi di sempre, ma anche un famoso produttore e un attore di talento.

Martin Scorsese come Zio Paperone

Le stime ipotizzano che il patrimonio di Martin Scorsese durante gli anni abbia toccato punte come qualcosa pari a 100 milioni di dollari, cifra che noi comuni mortali non riusciamo neanche ad immaginare. Ma con tutte le sue attività, oltre a quelle descritte anche artista e uno tra gli autori più influenti nel mondo dell’industria, nessuno saprà mai con certezza (a parte lui ovviamente) a quanto ammonta veramente il suo tesoretto.

I supereroi proprio li detesta…

Scorsese è famoso per essere “odiato” dal pubblico dei giovani, in quanto dalle nuove generazioni verrà ricordato principalmente non per la sua filmografia ma per il fatto di essere “…quello che odia i film della Marvel”. Secondo il regista infatti: “I film della Marvel non sono cinema…”. Non ha scatenato solo l’ira dei fan, ma anche degli attori che li hanno interpretati. Celebre la risposta di uno degli Spiderman più famoso di oggi, Tom Holland il quale ha risposto al regista così: “Non sa cosa sia un film Marvel perché non ne ha mai fatto uno”.

Joker non l’ha voluto nemmeno vedere

Pare che inizialmente Martin Scorsese fosse stato interpellato per partecipare al film pluripremiato di Joaquin Phoenix, Joker. In seguito però decise di non essere coinvolto in quanto la trama del film non interessava al regista. Non volle neanche vederlo al cinema.

Con Taxi Driver ha avuto un duro scontro

Il film che ha reso celebre a livello mondiale il regista Martin Scorsese, Taxi Driver, ha rischiato di non uscire nelle sale cinematografiche nel modo in cui lo conosciamo noi. Scorsese ci ha creduto fin dall’inizio in questo film e nell’interpretazione di Robert De Niro, per questo non prese bene l’idea di tagliare le scene per diminuire il budget da parte dei produttori. Una leggenda narra che Scorsese sia andato in studio con una pistola minacciando gli autori che li avrebbe uccisi se l’avessero fatto. Come sia andata veramente nessuno lo saprà mai, quello che è certo è che Scorsese aveva ragione.

Il cameo inaspettato

All’interno del film Taxi Driver, Scorsese è famoso anche per aver recitato in un piccolo cameo in un’iconica scena del film. Ovviamente quella parte doveva essere interpretata da un attore protagonista, il quale però all’ultimo si infortunò. Per evitare di tardare ancora le scene, con l’aiuto dell’amico De Niro, recitò lui stesso.

Anche Scorsese si è rivolto a Netflix

Per il suo film The Irishman uscito nelle sale nel 2019, anche Martin Scorsese chiese aiuto alla piattaforma colosso dello streaming legale Netflix. Il gangster movie da lui diretto ottenne un grandissimo successo anche per gli innumerevoli effetti speciali. Ovviamente il budget sarebbe stato troppo elevato, motivo per cui Scorsese chiese aiuto a Netflix, il quale fu felice di finanziare il suo progetto.

La frase su Little Italy

In una delle prime interviste rilasciate dal regista, quando gli chiesero informazioni sulle sue origini e sul suo lavoro, Martin Scorsese rispose così: “Quando si è stati allevati a Little Italy, che cosa diventare, se non gangster o prete? Ora, io non potevo essere né uno né l’altro”. Ovviamente questa frase non è proprio gratificante per il popolo italiano, ma comunque la scelta di diventare regista, gli venne in mente proprio per l’ambiente restrittivo in cui passò l’infanzia.

Toro scatenato e la decisione del bianco e nero

Non fu un caso che il film Toro scatenato fosse in bianco e nero. Scorsese decise per questa tecnica per tre motivi, la prima è che voleva differenziarlo dal film Rocky, in secondo luogo voleva valorizzare l’unicità del periodo e per ultimo punto odiava la vista di tutto quel sangue, quindi tolto il colore tolto il problema.

10 curiosità Scorsese
De Niro e Scorsese Solocine.it

The Departed – Il bene e il male e la “X” in alcune scene

Per rendere omaggio al celebre film Scarface, Martin Scorsese decise di distribuire all’interno del film diverse “X” nella scenografia. Questa lettera compare ogni volta che un personaggio sta per morire, come i più attenti hanno notato, nell’ultima scena, la “X” compare dietro il personaggio di Billy prima della sua dipartita.