Home » Castagne: come raccoglierle, selezionarle e conservarle

Castagne: come raccoglierle, selezionarle e conservarle

Con l’autunno inizia anche il periodo delle castagne, uno dei frutti più amati delle stagioni fredde. Come raccoglierle, selezionarle e conservarle? Ecco tutto ciò che occorre sapere.

L’autunno non porta con sé solo la ripresa del lavoro o degli studi, ma anche diversi elementi: il freddo, le giornate più corte e frutti che si mangiano solo in questo periodo. Uno di questi cibi sono le castagne: come raccoglierle, selezionarle e conservarle?

castagne.consigli.solocine.it
Castagne – Solocine.it

Le castagne sono senza dubbio tra i frutti più apprezzati delle stagioni fredde. Non è insolito, durante i pomeriggi autunnali, vedere in mezzo alla strada i costosi baracchini che le vendono calde e pronte per essere mangiate. Oltre che mangiarle per la città, è anche bello arrostirle direttamente in casa, al forno o sul camino, con l’aiuto di una padella.

C’è chi preferisce direttamente acquistarle al supermercato, ma avete mai provato a raccoglierle direttamente nei boschi? Sapete già come vanno selezionate e come vanno conservate prima di consumarle? Ecco qualche consiglio che può tornarvi utile.

Castagne, tutto ciò che occorre sapere prima di mangiarle

Le castagne dichiarano definitivamente la fine dell’estate e l’arrivo delle stagioni fredde. Sono molto amate proprio perché possono essere consumate calde, mentre ci si trova in un luogo asciutto o confortevole, oppure per la strada durante una passeggiata in centro città.

Se desiderate reperirle personalmente, senza affidarvi a un negozio, avete bisogno di conoscere qualche trucchetto del mestiere. La raccolta, innanzitutto, comincia circa durante l’ultima settimana di settembre e continua fino a ottobre inoltrato. I frutti si ottengono raccogliendo i ricci dal terreno, che il castagno lascia cadere a terra quando sono sufficientemente maturi. Ricordatevi di non essere impazienti: è importante aspettare che cadano spontaneamente dall’albero. Se forzate i rami scuotendoli, è probabile che otteniate solo frutti acerbi o danneggiati.

La raccolta delle castagne va fatta ogni tre giorni, seguendo il ciclo di maturazione del frutto. Le migliori sono quelle che appaiono con i ricci già aperti, mentre quelle che sembrano danneggiate probabilmente contengono insetti che portano malattie. Potreste raccoglierle lo stesso per fare un favore all’ambiente, ma poi andranno buttate.

castagne consigli solocine.it
Castagne arrostite – Solocine.it

Una volta raccolte e portate a casa, inseritele tutte insieme in una bacinella piena d’acqua coperta da un panno. Vedrete che alcune inizieranno a galleggiare, mentre altre resteranno sul fondo. Quelle galleggianti hanno accumulato aria e quindi significa che sono danneggiate. Buttatele via e cucinate solo quelle rimaste.