Home » Sono cinque le porzioni che non devono mancare per vivere a lungo, ma non sono i pasti

Sono cinque le porzioni che non devono mancare per vivere a lungo, ma non sono i pasti

La miglior combinazione di cibi per vivere più a lungo non sono “pranzo” e “cena” e nemmeno una colazione abbondante ma cinque porzioni di frutta e verdura. Ecco la validazione da parte della ricerca scientifica che svela perché è buona abitudine mangiare almeno cinque volte al giorno un piatto di frutta e uno di verdura. 

Per prevenire molte delle malattie cronico-degenerative e diminuire il rischio di morte, allungando invece il tempo in cui possiamo rimanere in vita, c’è la ricetta della nonna, quello che spesso da piccini ci siamo sempre sentiti dire: mangiamo più frutta e verdura, almeno cinque porzioni. Un grande studio infatti pubblicato da dei ricercatori di Harvard Medical School, oltre a dare una forza statistica incontestabile, chiarisce alcuni aspetti fondamentali del perché il detto “una mela al giorno toglie il medico di torno” potrebbe rivelarsi più veritiero del solito.

Frutta-pasto-solocine.it
Frutta-solocine.it

Ecco cosa è emerso dalla ricerca, sicuramente voluta per  prevenire anche i gravi casi di obesità che il ministero Americano della salute non riesce più a controllare.

Frutta e Verdura da mangiare come snack

Dai molti dati emersi nella ricerca Americana, risulta che i ricercatori hanno svolto due tipi di valutazioni: hanno analizzato i dati relativi all’alimentazione dei partecipanti e alle loro condizioni di salute, prendendo come campione lo studio sulle infermiere e lo studio sugli operatori sanitari, due studi che hanno condotto sulla popolazione Americana per oltre trent’anni, Hanno successivamente effettuato un’analisi di ventisei studi condotti invece in altri ventinove paesi e hanno esaminato gli stessi dati relativi alla salute e alla dieta di due milioni di persone, non solo Americani ma in tutto il mondo.  I dati emersi sono i seguenti:

  • Chi è abituato a mangiare ogni giorno cinque porzioni di frutta e verdura è meno soggetto a malattie degenerative (cancro, diabete, ipertensione etc..) ed ha quindi un’aspettativa di vita più lunga rispetto ad altri. Nello specifico, rispetto a chi invece mangia solo due porzioni di frutta e verdura, chi ne consuma la giusta quantità ha un rischio di morte inferiore del 13%, per malattie cardiovascolari del 12%, per cancro del 10% ; possono sembrare percentuali basse ma messe insieme alzano la barra dell’aspettativa di vita del 35%!
  • Le giuste dosi tra i due tipi di vegetali è: due porzioni di frutta e tre di verdura;
  • Non tutti gli alimenti vegetali sono uguali: attenzione a non incappare nell’errore che “il verde sta bene con tutto”, il modo migliore per affrontare una dieta alla base di frutta e verdura è quello di informarsi su ogni alimento, meglio se affidarsi ad un professionista come una dietista.

Inoltre, emerge ancora nello studio che negli States non sono molti a rispettare la regola delle cinque porzioni: solo un Americano su dieci lo fa.