Torna La Grande Bellezza, al cinema e in versione integrale

Di , scritto il 30 Maggio 2016

LagrandissimabellezzaVi ricordate La Grande Bellezza? Il film pluripremiato di Paolo Sorrentino che ha trionfato al Festival di Cannes nel 2013? La versione che abbiamo visto, nonostante la lunghezza del film, non era completa. Rispetto all’originale infatti mancano all’appello ben 30 minuti di riprese. Si tratta perlopiù di una lunga scena che vede Jep Gambardella, interpretato da Toni Servillo, incontrare Giulio Brogi nei panni di un regista attempato intenzionato a girare il suo ultimo film. Ma non solo.

Jep, che nel film fa la parte di uno scrittore e giornalista poco convinto dei cambiamenti sociali avvenuti nel corso degli anni, ascolta le parole del regista con cui descrive la prima scena a colpirlo fortemente tanto di rimanergli impressa nella memoria e probabilmente indurlo a intraprendere la sua carriera. E’ proprio in questa scena come in altre del film che viene rafforzato il tema della bellezza. “Mi pare che fosse il 12 aprile 1925. Mio padre mi mise sulle spalle perché c’era una gran folla, ma capisce? Una folla, radunata per vedere un semaforo. Che bellezza! Che grande bellezza!”- recita Brogi. Per la verità di scene tagliate nella versione cinematografica ve ne sono altre che seppur non modificando la portanza e il messaggio della pellicola, ne arricchiscono il contenuto. Ricordandone un’altra che è stata tagliata dalla versione proiettata a suo tempo si ricorda quella con Fiammetta Baralla nel ruolo della madre di Ramona (Sabrina Ferilli).

L’iniziativa è stata lanciata anche sui social e in particolare su Twitter con l’hashtag #lagrandissimabellezza. Gli appassionati del film stanno rilanciando i messaggi in maniera frenetica per coinvolgere quanto più possibile chi ancora non avesse visto la pellicola e volesse approfittare per vederne un’edizione ancora rimasta nascosta. Per la verità qualche scena era già trapelata online dopo l’uscita del film. Vedere un “director’s cut” seduti su una poltrona di cinema però è tutt’altra cosa.

Proiezione integrale al cinema
Per pochissimi giorni il film è stato proiettato in versione integrale in numerose sale cinematografiche (dal 27 al 29 maggio, ma l’iniziativa potrebbe essere ripetuta), per questo consigliamo di dare uno sguardo alla programmazione del vostro cinema di fiducia. A presentarlo sono stati Indigo Film, Medusa Film e Nexo Digital assieme ai media partner Radio Deejay e MYmovies.it e in collaborazione con Sky Cinema HD. Proprio quest’ultima collaborazione lascia intendere che il film integrale sarà in un secondo momento reso disponibile anche nei pacchetti cinema di Sky ma possibilmente anche di altri servizi di tv on demand.

I premi vinti da La Grande Bellezza
Il capolavoro di Sorrentino, oltre ad aver vinto il premio come miglior film straniero al Festival di Cannes nel 2013 è riuscito ad accaparrarsi numerosi altri premi tra i quali il Golden Globe, il Bafta, quattro European Film Awards, nove David di Donatello, cinque Nastri d’Argento e numerosi altri premi internazionali. Non male, vero?

Per i più curiosi ricordiamo che le riprese del film sono iniziate a Roma il 9 agosto 2012. Le scene che vedono l’ambientazione al mare sono state girate nei primi di settembre all’Isola del Giglio e in particolare presso il faro di Capel Rosso. Il film ha avuto un costo complessivo di circa 9,2 milioni di euro ripagati fin dalle prime settimane di programmazione. Nella prima settimana di programmazione in Italia sono stati totalizzati poco meno di 2,3 milioni di euro, mentre sul territorio nazionale marzo 2014 si erano già superati gli 8 milioni di euro. Anche negli Usa il film ha avuto consenso con introiti ai botteghini di oltre 2 milioni considerando un lancio avvenuto più tardi a metà novembre 2013.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009