Il futuro di Eli Roth: Endangered Species e Thanksgiving

Di , scritto il 30 Maggio 2009

Eli RothReduce dal Festival di Cannes dove figurava fra gli attori di spicco del nuovo film di Quentin Tarantino, Eli Roth ha concesso un’intervista a Empire Magazine parlando dei suoi progetti futuri.

E il giovane regista di Hostel ha in cantiere due pellicole estremamente diverse fra loro, sia per concezione che per budget e metodi realizzativi. Da un lato si avvicina sempre più il momento di Thanksgiving, il film che nasce dal cortometraggio falso-trailer che Roth aveva girato per Grindhouse.

Il filmaker intende girare il tutto nel tempo più breve possibile: 18 giorni di riprese per viaggiare alla velocità della luce, accumulare quante più uccisioni possibili e non fermarsi a riflettere nemmeno per un secondo, pena la trasformazione di questo film in qualcosa di più pensato e meno immediato e brutale.

Ben diverso il discorso per Endangered Species, che Roth descrive come un lungometraggio a grande budget, di scala epica, che narrerà di qualche tipo di disastro o estinzione a livello mondiale. Non siamo quindi dalle parti di due ragazzine torturate in un villaggio sperduto, tanto per capirci.

Sarà molto interessante seguire gli sviluppi di entrambi i film, per poi cercare di capire quale sia il campo e il metodo più adatti per questa giovane stella dell’horror.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009