Charlize Theron sarà una Lady Vendetta molto americana

Di , scritto il 29 Novembre 2012

Charlize-Theron_Lady-VendettaÈ da molto tempo che Charlize Theron aspira a produrre e recitare  nel remake di Lady Vendetta, lo stupendo capitolo conclusivo della nota trilogia della vendetta di Park Chan-wook e sembra che finalmente, dopo anni di speranze, l’attrice sia incappata nelle persone giuste che riusciranno ad aiutarla.

Annapurna Pictures, infatti, è intenzionata a produrre il tutto e ha già affidato a William Monahan la sceneggiatura di questo rifacimento.
La casa di produzione è nota per aver messo in cantiere titoli come The Master o Lawless, mentre Monahan non è nuovo alle “traduzioni” dall’orientale all’occidentale, avendo scritto The Departed per Martin Scorsese.
Al momento non è stato ancora scelto il regista.

Vedremo quindi la Theron nei panni di una Geum-ja americanizzata e pronta a esigere la sua personale, fredda e calcolata vendetta. Nel capolavoro originale la donna finiva in carcere per l’uccisione di un bambino, reato confessato in seguito a un ricatto del suo amante, Mr Baek.
Durante quegli anni finirà con il diventare una detenuta modello, sempre disponibile e pronta ad aiutare le compagne, fino a quando…

Charlize Theron non è certo attrice super-presenzialista e recita in pochi titoli, facendo spesso passare parecchio tempo da un ruolo all’altro, nell’ultimo anno però l’abbiamo vista impegnata i due pellicole di alto profilo e buon impatto ai botteghini: Biancaneve e il cacciatore e Prometheus. La ricordiamo però ancora di più per il suo ruolo più interessante, ovvero quello Aileen Wournos in Monster. Questo remake si affianca a quello di un altro segmento della trilogia, ovvero Old Boy, affidato a Spike Lee.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009