Cosa sta succedendo ai Wachowski?

Di , scritto il 28 Giugno 2011

Non si può certo dire che i fratelli Wachowski abbiano entusiasmato pubblico e critica con il loro ultimo film e le notizie che arrivano di mese in mese ce li danno occupati su più fronti: i due progettano un film,poi ne avviano un altro, poi tornano sul titolo precedente… Da un lato si tratta forse di un dato positivo: essere impegnati su più fronti può essere stimolante, c’è però il rischio enorme di dispersione di energie e di focus.

Fra l’altro almeno uno dei progetti in cui li si sapeva impegnati (Hood) suonava quantomeno fragile e traballante con l’idea di un Robin Hood ambientato nella nostra epoca in una grande città.

Il progetto più serio pareva essere Cloud Atlas, tratto da un romanzo di David Mitchell. Il libro spazia dal diciannovesimo secolo a un futuro olocausto nucleare e contiene sei storie che si allacciano l’una con l’altra, ognuna con le sue caratteristiche ben precise e ognuna appartenente a un genere diverso.
Un incubo narrativo difficile da domare, quindi, e se per il film era inizialmente prevista la presenza dei fratelli Wachowski solo per quanto riguarda il settore della produzione, ora i due sono anche in cabina di regia. Nebulose le notizie sul cast, si è parlato a più riprese di Hale Berry, Tom Hanks, James McAvoy, Ian McKellen e Natalie Portman!

Ora però spunta improvvisa la notizia che i due si sarebbero impegnati con la Warner Bros per un progetto chiamato Jupiter Rising e che questo titolo ha priorità assoluta.

Si tratta di Cloud Atlas con altro nome? O è un film totalmente diverso? Mentre ci mettiamo a caccia di ulteriori notizie non possiamo trattenere qualche perplessità sulle mosse dei Wachowski…



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009