Atom Egoyan indaga su “I Tre di West Memphis”

Di , scritto il 27 Giugno 2012

Atom-Egoyan_Devils-Knot_Colin-Firth_Reese-Whiterspoon_West-Memphis-ThreeSolocine ammira da sempre il lavoro di Atom Egoyan e anche se la seconda metà degli Anni Novanta a nostro modo di vedere ha rappresentato il culmine della sua carriera, siamo convinti che il regista canadese abbia ancora molto da offrire.

Una occasione potrebbe essere rappresentata dalla sua prossima pellicola, Devil’s Knot, che lo vede affrontare uno dei casi criminali più delicati, scandalosi e controversi della recente storia degli USA, ovvero quello dei cosiddetti Tre di West Memphis.

I fatti risalgono al maggio 1993 quando nei pressi di Memphis vennero ritrovati i corpi di tre bambini di otto anni e, in seguito a un lungo interrogatorio (senza avvocato) di un ragazzo labile di mente, vennero arrestati tre ragazzi completamente innocenti, con gravissime mancanze nell’indagine della polizia e un crescente movimento di opinione pubblica che portò infine, dopo anni di battaglie legali, alla scarcerazione dei tre.

Atom Egoyan, conscio che la vicenda ha già prodotto nel tempo una discreta mole di libri, film e documentari, cercherà di variare il suo approccio al caso e userà in particolare due punti di vista ben precisi, quello della madre di uno dei tre bambini massacrati (interpretata da Reese Whiterspoon) e quello dell’investigatore privato assunto dagli avvocati della difesa dei tre ragazzi (Colin Firth).

Il cast è completato da un altro nome piuttosto noto, Amy Ryan, mentre i tre ragazzi ingiustamente arrestati verranno interpretati da alcuni volti nuovi: James Hamrick, Kristopher Higgins e Justin Castor.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009