Cannes premia gli italiani

Di , scritto il 26 Maggio 2008

Festival di CannesCon una doppia premiazione che è insieme riconoscimento per l’ottima qualità delle pellicole in questione ma anche preciso segno di una presa di posizione intellettuale contro certi guasti tutti italiani, Cannes chiude il suo festival premiando sia Gomorra che Il Divo.
Ecco l’elenco dei premi più importanti assegnati alle pellicole in concorso:

Palma d’oro: Entre les murs di Laurent Cantet;
Premio alla Miglior Regia: Nuri Bilge Ceylan per Uc Maymun;
Premio al Miglior Attore: Benicio Del Toro per Che;
Premio alla Migliore Attrice: Sandra Corveloni per Linha de passe;
Premio alla Migliore Sceneggiatura: Le silence de Lorna di Luc e Jean-Pierre Dardenne;
Premio alla Carriera: Clint Eastwood e Catherine Deneuve;
Palma d’Oro per al Miglior Cortometraggio: Megatron di Marian Crisan;
Camera d’Or: Hunger di Steve McQueen.

Gomorra di Garrone vince il Grand Prix, Il Divo di Sorrentino il Premio della Giuria, una combinazione che attendevamo da molto tempo e che fa ben sperare per il cinema italiano, capace di sfornare opere coraggiose e molto, molto importanti anche dal punto di vista dello stile e della tecnica.

Ora che i registi hanno raccolto ai premi, non rimane altro che andare a vedere i loro film e confermare (o smentire) i pareri della giuria e dei vari critici, che per quanto riguarda questi due film italiani sembrano una volta tanto compatti e unanimi. I nostri complimenti a Garrone e Sorrentino, avanti così!

1 commento su “Cannes premia gli italiani”
  1. […] comincia a raccogliere i frutti della sua fatica. E non stiamo tanto parlando di premi (sebbene siano arrivati anche quelli) quanto di contatti e grossi progetti all’estero, lontano dall’asfissiante atmosfera […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009