Richard Linklater plasma il tempo in Boyhood

Di , scritto il 24 Giugno 2014

boyhood-linklater_movie-posterChe Richard Linklater fosse il maestro assoluto della gestione del tempo nel cinema era cosa già risaputa ed evidente dalla sua ottima trilogia Before Sunrise, Before Sunset e Before Midnight, ma con Boyhood è riuscito a superare se stesso con un progetto che non ha al momento rivali nel campo.

In Boyhood ha seguito infatti la crescita di tale Mason Jr, interpretato da Ellar Coltrane, dai 6 anni fino ai 18, con l’entrata del ragazzo nel college e quindi nell’età adulta.
Ogni anno Linklater ha incontrato Coltrane, che non aveva ovviamente nessun obbligo a continuare il tutto, e ha girato per qualche giorno la sua crescita, con tutto quel che significa essere prima bambini e poi diventare adolescenti.

Ma Boyhood non è solo un esperimento cinematografico davvero unico per quanto riguarda la gestione del passare degli anni, è anche un importante evento per quel che concerne i confini fra realtà e finzione, fra vita e fantasia, visto che quel che accade a Mason Jr è puro frutto di fiction e non appartiene al campo dei documentari, ma nello scrivere la sceneggiatura si è sempre tenuto conto del piano reale (aspettando per esempio che Coltrane facesse le sue belle esperienze in varie situazioni prima di replicarle nel film), altro dato che non troverete così spesso al cinema.

Nel cast troviamo Patricia Arquette ed Ethan Hawke (che a questo punto ha vissuto davvero tanto a contatto con Linklater, se contiamo anche la trilogia) nei panni dei genitori divorziati di Mason Jr, distribuzione italiana prevista per il 16 ottobre.

1 commento su “Richard Linklater plasma il tempo in Boyhood”
  1. Daniele ha detto:

    Sembra davvero un gran bel film. Non vedo l’ora di vederlo nelle sale italiane!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009