Mai così vicini: una commedia tenera e ironica

Di , scritto il 23 Luglio 2014

Mai cosi vicini Douglas KeatonBagagli di vita pesanti, fatti di esperienze difficili – un carico di vita che spesso porta gli individui a chiudere la porta tra se stessi e il mondo, diventando duri e poco inclini al rapporto interpersonale. E’ una storia già molte volte narrata, quella dell’uomo burbero, dalla scorza apparentemente impenetrabile – che va avanti solo fino a quando qualcuno riesce a trovare una falla in questa corazza e gli concede una nuova possibilità, una rinascita.

In passato l’emblema di questo tipo di personaggio era Jack Nicholson, ma in Mai così vicini è Michael Douglas che lo incarna alla perfezione. Oren Little (ovvero Michael Douglas) abita a due passi da Leah (Diane Keaton). Lui è un agente immobiliare alla soglia della pensione e altamente irritabile. Lei una cantante in declino e molto socievole. La mano di Rob Reiner, il regista di Harry ti presento Sally, costruisce intorno a loro una commedia divertente e commovente, una di quelle che fanno sgorgare sorrisi fiduciosi, la possibilità di immedesimarsi per un attimo in piccole occasioni di riscatto che fanno sempre bene, soprattutto a chi non è più giovanissimo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009