Il pianeta delle scimmie – Revolution: Cesare è molto, molto arrabbiato

Di , scritto il 19 Dicembre 2013

Dawn-of-the-Planet-of-the-Apes_Cesare_poster-trailerAvevamo lasciato umani e scimmie qualche tempo fa, nel 2011, e la situazione non sembrava per niente buona: L’alba del pianeta delle scimmie si era infatti concluso con Cesare e i suoi in fuga, al riparo di un bosco, dopo avere distrutto parte di una città.

E ci siamo domandati in seguito, mentre cominciavano a trapelare varie notizie sul secondo capitolo, Il pianeta delle scimmie – Revolution (Dawn of the Planet of the Apes), come Matt Reeves intendesse riprendere la vicenda, se direttamente dalla conclusione del primo o facendo passare del tempo.

Alla fine è prevalsa la seconda opzione, che garantisce alcune soluzioni di sceneggiatura più interessanti: sono passati ben otto anni da quando le scimmie, grazie a un virus, sono diventate molto intelligenti e in grado di ribellarsi all’uomo che se la sta ora passando molto male, stretto fra gli attacchi dei primati e lotte intestine fra varie fazioni.

Il primo trailer non concede ovviamente molto all’azione: da qui all’11 luglio 2014 ci saranno altri filmati che riveleranno lentamente diversi aspetti della pellicola, per ora ci si concentra sugli umani e sulla loro rovina e giusto nel finale riusciamo a intravedere un Cesare sempre più cupo e arrabbiato.

Sembra che il virus, pur avendo donato grande intelligenza e giusta libertà alle scimmie, non abbia regalato loro anche calma, serenità e felicità.
Cast di ottima qualità fra alcuni ritorni e volti nuovi: Keri Russell, Jason Clarke , Gary Oldman, Judy Greer, Kodi Smit-McPhee, Toby Kebbell e naturalmente il grande Andy Serkis che torna nei “panni” di Cesare.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009