Ma Wes Craven ha ancora un’anima?

Di , scritto il 19 Agosto 2010

Tutti concentrati sulle riprese e indiscrezioni riguardanti il prossimo Scream, ci siamo quasi dimenticati che Wes Craven sta preparando anche un’altra pellicola, My Soul to Take e, manco a dirlo, si tratta nuovamente di un teen-horror.

Purtroppo, guardando il trailer in questione, sembra confermarsi una impressione che in molti abbiamo già da parecchi anni: Craven ha perso ogni originalità e potenza d’impatto e preferisce mischiare alla meno peggio elementi banali e sfruttatissimi per confezionare le solite pellicole di teen ager alle prese con qualche tipo di minaccia maligna, soprannaturale o meno che essa sia.

Quello che era uno dei nomi più noti e presenti nel campo dell’horror, insomma, sembra essersi ormai adagiato in una sequenza di film inoffensivi e disinnescati, belli pronti per un pubblico adolescente in cerca di qualche facile brivido.
La trama? Presto detto:

A Riverton, tranquilla cittadina teatro di una tragedia 16 anni prima, alcuni adolescenti cominciano a scomparire e s torna a parlare di una tetra e macabra leggenda: un serial killer, prima di morire, aveva promesso ce sarebbe tornato a uccidere tutti i bambini nati nel giorno della sua morte.
Ora quegli stessi bambini, cresciuti, sembrano essere in gravo pericolo, compreso il figlio dello stesso serial killer, Adam, che è perseguitato da strani incubi fin da quando era piccolo.
Il serial killer è davvero tornato in vita?
Oppure qualcuno sta sfruttando la leggenda per uccidere dei ragazzi?
Quale mistero si annida in Riverton?

Come vedete, nulla di nuovo sotto al sole…
Vi lascio alla visione del trailer, chiedendovi cosa ne pensate e cosa pensate in genere di Wes Craven e se credete anche voi che sia un regista ormai in declino.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009