La Universal pronta a scommettere ancora su Scemo e più scemo

Di , scritto il 19 Giugno 2013

dumb-and-dumber-toSono passati pochi giorni dalla notizia che Warner Bros non è disposta a finanziare il nuovo film dei fratelli Farrelly, Dumb and Dumber To, che in pratica è il sequel del notissimo Scemo e più scemo, e in molti son rimasti perplessi di fronte alla scelta di questa major, visto che la produzione richiedeva una cifra di circa trenta milioni di dollari, ovvero una somma ben piccola se confrontata ai costi di moltissimi altri film.

In più si tratta del sequel di un titolo molto amato, che ha fruttato incassi e che è diventato un classico della comicità, con frequenti passaggi televisivi e una buona vita in home video.
Difficile immaginare che un sequel, diretto dagli stessi registi e probabilmente con ancora Jim Carrey nel cast non possa garantire un ritorno superiore al finanziamento iniziale.

Eppure i manager a Warner Bros devono aver pensato il contrario; per fortuna però il progetto è rimasto nel limbo per poco tempo perché con un annuncio via Twitter i Farrelly hanno comunicato ieri che Dumb and Dumber To si farà grazie all’intervento combinato di Universal e Red Granite Pics.

Restano ancora da determinare moltissimi particolari e l’intera tempistica dell’operazione, ma a nostro modo di vedere Universal ha fatto un ottimo affare.
Vero, ultimamente Jim Carrey non è più sulla cresta dell’onda come tempo fa, ma una commedia comica come questa può sempre attirare un discreto numero di spettatori ed è facile che un guadagno ancora maggiore arrivi dal merchandise: fra magliette, tazze e altro ancora ci sentiamo in grado di scommettere sul fatto che il film farà guadagnare qualche bel soldino a produttori e registi.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009