The Green Inferno: la paura vi divorerà

Di , scritto il 17 Aprile 2014

Green-Inferno_Eli-Roth_poster_movieFear will consume you”, questa è la tagline che chiude il nuovo teaser di The Green Inferno e, per quanto magari un po’ altisonante, c’è da ammettere che alcune delle immagini presenti nel filmato provocano una paura più profonda rispetto a tante scene di squartamenti vari cui ci hanno abituato da decenni alcuni film horror.

Un indigeno che lima il suo strumento da taglio cantando una quieta nenia, una ragazza legata che piange in preda al terrore, un altro ragazzo che è pienamente cosciente del destino che lo aspetta: tanto basta per creare una tensione molto, molto efficace.

Sceneggiato da Guillermo Amoedo ed Eli Roth (che firma anche la regia), The Green Inferno è la storia di Justine (Lorenza Isso), una ragazza che, mossa da sincero idealismo, si unisce a un gruppo di persone che vogliono protestare contro la deforestazione di un’area del Perù, atto che metterebbe seriamente a rischio la sopravvivenza di una tribù di indigeni dell’Amazzonia, rimasti ancora isolati dalla civiltà occidentale.

Gli attivisti si recano nella giungla e riescono a bloccare l’abbattimento degli alberi, ma non tutto andrà come sperato e ben presto, come è facile indovinare anche dal teaser, si troveranno alle prese con un incubo che metterà a repentaglio le loro vite. Fanno parte del cast anche Ariel Levy e Daryl Sabara.

È sicuramente una sceneggiatura beffarda e punitiva nei confronti di determinate prese di posizione politiche e sociali, ma è anche, a giudicare dalle immagini, uno dei lavori più compiuti di Eli Roth, regista tanto entusiasta quanto altalenante.
Ne scopriremo la reale qualità a partire dal 5 settembre.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009