Oliver Stone potrebbe trasformare Jamie Foxx in Martin Luther King

Di , scritto il 15 Ottobre 2013

Martin-Luther-King_Oliver-Stone_Jamie-FoxxIl titolo del post dice già quasi tutto e non ci sarebbe bisogno di grandi approfondimenti, ma le sinergie contenute in una notizia di questo tipo sono davvero tante e c’è da essere contenti, vediamo di approfondire un pochino.

Dunque, Hollywood corteggia la figura di Martin Luther King da parecchio tempo ma ci sono stati spesso e volentieri parecchi problemi con la sua famiglia che non approva volentieri progetti riguardanti questa figura fondamentale della storia americana.

Questo script di Kario Salem (che ha in pratica riscritto una stesura di Ronald Harwood) sembra aver conquistato i favori degli eredi di Martin Luther King e, complice anche il coinvolgimento a livello produttivo di Steven Spielberg, sembra che la co-produzione fra DreamWorks and Warner Bros abbia ottime probabilità di vedere la luce, o meglio, il buio della sala.

A dirigere il tutto sembra esserci in pole position Oliver Stone, uno che di biografie e personaggi famosi se ne intende parecchio, visto che in curriculum ha titoli come The Doors, JFK, Gli intrighi del potere e altro ancora, un insieme di biopic che lo rendono uno dei registi viventi più a suo agio con questa particolare forma di narrazione.

Oliver Stone sembra intenzionato a chiamare Jamie Foxx a interpretare la difficile figura di Martin Luther King, una scelta che almeno per quanto riguarda la fisiognomica provoca qualche dubbio, ma i due hanno già collaborato con grande efficacia in precedenza e le capacità recitative di Foxx sono fuori di dubbio. Staremo a vedere cosa accadrà nei prossimi, cruciali mesi.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009