Sotto una buona stella, scoppiettanti Cortellesi e Verdone

Di , scritto il 15 Febbraio 2014

images (1)Nasce Sotto una Buona Stella un Carlo Verdone maturo, degno di aspirare ad essere il portabandiera di quella commedia all’italiana lontana dalla ribalta di un tempo. I soliti noti non ci sono più. Quelli che restano si abbandonano facilmente alla risata grassa e caciarona. Carlo Verdone invece segue il suo percorso senza lasciarsi contaminare. Sotto una buona stella evidenzia come stia affinando sempre più un artigianato vincente e divertente nella sua inconfondibile vis comica, oggi venata di malinconia a tratti bonacciona, altrimenti densa di sottile sarcasmo dove la farsa e la commedia si amalgamano in buon accordo.

Il protagonista di Sotto una buona stella è Federico, divorziato, in fuga dalla paternità, vittima del crac della holding finanziaria dove lavora e che lo lascia senza l’amante e nemmeno un quattrino. Si ritrova a dovere accogliere in casa i due figli più una nipotina, dopo la dipartita della ex moglie. La convivenza con i giovani è difficile, scontrosa e densa di gag divertenti, fino a che non arriva la nuova vicina di casa, Luisa, una scoppiettante Paola Cortellesi, la grande novità del cinema di Verdone. E’ lei il collante della sceneggiatura, capace di unire e dare solidità a un soggetto prima di lei un po’ sfilacciato. Verdone e Cortellesi sono pressoché perfetti, i loro dialoghi sono ben calibrati dalla regia attenta e misurata.

I due figli di Federico, interpretati decorosamente da Lorenzo Richelmy e Tea Falco, figurano degnamente la rabbia e l’inadeguatezza dei giovani d’oggi, a tratti spaesati e confusi, incapaci di trovare spazio per i sogni. Verdone anche attraverso di loro non perde di vista la realtà d’intorno, quella che gli detta battute, personaggi, ironia e un po’ di malinconia.

La spassosa sequenza finale dei finti amplessi inscenati provocatoriamente da Federico e Luisa, attraverso la parete che separa i loro appartamenti, è il tocco geniale di Carlo Verdone e dei coautori che offrono il meglio di un film davvero nato sotto una buona stella.

Dario Arpaio


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009