I am number four: fantascienza per ragazzi da Spielberg e Bay

Di , scritto il 14 Aprile 2010

A Hollywood sono in molti a pensare che il miglior modo per massimizzare il ricavo dei film sia quello di prendere un qualsiasi genere e farne una versione per ragazzi. Ecco quindi che questa tendenza a “ringiovanire” arriva anche alla fantascienza e I am number four (a prescindere da ogni discorso qualitativo) sarà un chiaro esempio di questa attitudine.

Prodotto dalla Dreamworks di Steven Spielberg e inizialmente scelto da Michael Bay come possibile film da dirigere, I am number four segue le disavventure di nove ragazzi e dei loro guardiani adulti, gli unici sopravvissuti da una ferocissima guerra sul loro pianeta natale, Lorien.
I ragazzi grazie a qualche tipo di non meglio determinato evento, sono nominati con dei numeri progressivi dall’uno al nove e possono essere uccisi solo nel giusto ordine.

Tre di loro sono già stati massacrati da un fantomatico e potente nemico. Il quarto, per cercare di sopravvivere, scappa con il suo guardiano e raggiunge la Terra, nascondendosi in una città dell’Ohio. Riusciranno i predatori a trovare le sue tracce e completare il terribile compito?

Al lavoro sulla sceneggiatura ci sono Al Gough e Miles Millar mentre in cabina di regia siederà D.J. Caruso.
Già scelti anche i due attori per i ruoli da protagonista: Alex Pettyfer sarà il ragazzo Numero Quattro e Shartlo Copley (District 9) vestirà i panni del suo guardiano adulto.

Le premesse per un film molto adatto al target di età prescelto ci sono tutte, visto che gli sceneggiatori hanno lavorato a lungo sulla serie televisiva Smallville mentre il regista si era già occupato in precedenza di svariate situazioni e personaggi adolescenziali.
La potenza produttiva del duo Spielberg/Bay farà il resto e ora resta davvero da attendere l’uscita in sala di I am number four per vedere come si sono amalgamati tutti questi elementi.
Bisognerà aspettare relativamente poco, visto che la Dreamworks parla di una distribuzione prevista per il 18 febbraio del 2011…


1 commento su “I am number four: fantascienza per ragazzi da Spielberg e Bay”
  1. […] a quanto avevamo scritto qualche mese fa bisogna ora registrare l’abbandono di Sharlto Copley che è stato sostituito da Timothy Olyphant […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009