Starry Eyes e l’arte del poster horror

Di , scritto il 13 Marzo 2014

Starry-EyesA prescindere dalla qualità di Starry Eyes (che a giudicare dal trailer sembra comunque medio-alta, vedremo al momento della sua distribuzione) possiamo già dire che una piccola, grande vittoria questo film la ottiene già a partire dal poster, finalmente diverso dalla media delle quattro o cinque locandine-tipo presenti nel genere horror e nel cinema hollywoodiano tutto.

Starry Eyes è il parto di Kevin Kolsch e Dennis Widmyer, che hanno scritto e diretto questa storia, a tratti risaputa, sul mondo dello spettacolo, la società chiusa dei potenti del cinema con i loro misteri e segreti e il prezzo che può avere la fama, specie per una giovane ragazza.

Starry Eyes ha già creato qualche eco con i suoi passaggi ai festival e più di un critico specializzato ne ha già tessuto le lodi, con particolare enfasi per quanto riguarda una scena di “face evisceration” fra le migliori del campo.

Recitano nel film alcuni volti già parecchio noti per chi bazzica l’horror e territori limitrofi: Alexandra Essoe, Amanda Fuller (Red White & Blue), Fabianne Therese (John Dies At The End), Noah Segan, Shane Coffey (Pretty Little Liars), Pat Healy (The Innkeepers) e Marc Senter (sempre Red White & Blue).

Vi informeremo non appena sapremo qualcosa di più riguardo una eventuale distribuzione in Italia, per ora oltre al poster eccovi anche il trailer.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009