Machete e Rodriguez colpisce ancora

Di , scritto il 09 Maggio 2011

Robert Rodriguez non si toglie mai il cappello da cowboy. Dice che le idee potrebbero scappargli dalla testa. Lui certo ne frulla tante, così come il suo amico Quentin Tarantino. Terzo di quindici figli, Rodriguez è capace di tutto un po’: regista, attore, sceneggiatore, direttore di fotografia, produttore, montatore, compositore, scenografo… Un uomo di cinema a tutto tondo. Insieme all’inseparabile QT ha girato uno dei due episodi di Grindhouse, Planet Terror. E dal trailer che separava i due film, omaggio al cinema anni ’70, nasce Machete, protagonista Danny Trejo, unico e imprescindibile con il suo ‘fisique du rol’, che a volerlo inventare, meglio non  si potrebbe.

Trejo è cresciuto nelle strade di Los Angeles. Più volte è stato dentro, poi, neanche a farlo apposta, ha incontrato il grande ex galeotto, autore di culto, Ed Bunker che lo ha aiutato a lasciare definitivamente droghe e crimine ed entrare nel cinema, grazie anche alle sue doti di pugile. Danny è stato campione dei pesi welter e leggeri. Insomma l’ideale per interpretare caratteri e ruoli di duri.

Così è in Machete, che è una storia violenta, iconoclasta, divertente, adrenalinica, scanzonata, dove Rodigruez & Co. raccontano di personaggi invischiati nella politica sporca e razzista che vuole la chiusura della frontiera Usa-Messico per poterla aprire solo a proprio uso per lo spaccio di droghe in grande stile. Una sceneggiatura ipertrofica come solo Rodriguez è capace. Un cast puntuale, caro agli amanti del duo Tarantino-Rodriguez, con gli attori tutti perfetti nei loro ruoli: Jessica Alba, Michelle Rodriguez, Lindsay Lohan, con l’aggiunta di Steven Seagal nel ruolo del cattivo e di un divertito Robert De Niro nel ruolo del senatore corrotto. Ma su tutti spicca lui, Danny Trejo Machete, quello-che-non-manda-sms (in realtà è impacciato con le dita troppo grosse per il telefonino…), ma che è micidiale con le sue lame affilatissime da giustiziere che non perdona, implacabile come si conviene. C’è tutto di più in questo fumettone super pulp. I fan del genere non potranno perderlo!

…A proposito, il film si chiude con l’annuncio dei sequels: Machete Uccide e Machete Uccide Ancora…

Dario Arpaio.


2 commenti su “Machete e Rodriguez colpisce ancora”
  1. clclaps ha detto:

    stupendo! geniale! la consapevolezza del b-movie. questa la mia personale recensione:
    http://clapsbook.blogspot.com/2011/05/machete-il-capolavoro-di-rodriguez.html

  2. giuseppe ha detto:

    ciao dario penso proprio che lo vedrò.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009