Tower Heist sarà il ritorno di Eddie Murphy?

Di , scritto il 07 Ottobre 2011

Gli ultimi anni (i più maligni parleranno addirittura di decenni) della carriera di Eddie Murphy non sono stati, dal punto di vista qualitativo, brillanti come i periodi precedenti, quelli del Saturday Night Live o di film come 48 ore, Una poltrona per due, Beverly Hills Cop e altri degli Anni Ottanta.

Ora però, a giudicare da alcuni trailer usciti di recente e dai pareri che vengono scambiati online, sembra che l’imminente Tower Heist, che in Italia uscirà con il sottotitolo Colpo ad alto livello, possa ridare spinta al comico statunitense, anche grazie a una sceneggiatura brillante e un cast di altissimo livello.

Tower Heist è una commedia che parte da uno spunto intrigante: uno squalo di Wall Street è agli arresti domiciliari nel suo loft in un prestigioso grattacielo di New York. Ha rubato svariati milioni con spregiudicate operazioni di Borsa e fra le sue vittime ci sono anche i dipendenti del grattacielo che avevano versato i loro soldi in un fondo pensione gestito proprio dal magnate.

E proprio alcuni dipendenti, guidati dal manager del grattacielo, decidono di riprendersi il maltolto con gli interessi, escogitando un astruso piano per derubare il riccone…

Come detto e come potete vedere dal trailer che riportiamo qui sotto, Tower Heist può contare su un cast impressionante: Ben Stiller, Eddie Murphy, Matthew Broderick, Téa Leoni, Gabourey Sidibe, Casey Affleck, Stephen Henderson, Judd Hirsch, Michael Peña e Alan Alda, il tutto per la regia di Brett Ratner.

Uscita in Italia il 25 novembre.


1 commento su “Tower Heist sarà il ritorno di Eddie Murphy?”
  1. Bobby ha detto:

    Vai Eddie, sei il numero uno!!!!!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009