Cambio di team per il sequel di Hunger Games

Di , scritto il 07 Maggio 2012

Hunger_Games_Catching_FireNon sempre è valido il detto “squadra che vince non si cambia”: Hunger Games ha conosciuto un successo travolgente sia in patria che all’estero ma per quanto riguarda l’obbligatorio sequel vedremo importanti cambiamenti sia a livello di regia che per quanto riguarda la sceneggiatura.

Hunger Games, lo ricordiamo, è tratto dal primo volume della trilogia scritta da Suzanne Collins, ed è ambientato in un futuro post apocalittico in cui uno degli spettacoli più importanti e ammirati è un reality show nel quale si tengono combattimenti mortali fra gladiatori adolescenti estratti a sorte fra i ragazzi dei 12 distretti che compongono gli Stati Uniti (Panem) che sono in pratica sotto un feroce governo totalitario.
Parte del successo, oltre all’estrema notorietà della trilogia di romanzi, è dovuto anche a un cast impressionante che, oltre ai due protagonisti Jennifer Lawrence e Josh Hutcherson, ha riunito star del calibro di Lenny Kravitz, Elizabeth Banks, Woody Harrelson, Stanley Tucci, Donald Shuterland, Liam Hemsworth e Toby Jones.

Il sequel si intitolerà Catching Fire e non vogliamo raccontarvi la trama per non rovinare la sorpresa a chi ancora non ha visto il primo film. Torneranno comunque alcuni dei protagonisti, che verranno diretti da Francis Lawrence il quale ha preso il posto di Gary Ross, impegnato su altri fronti.

Lawrence ha diretto in precedenza pellicole come Constantine, Io sono leggenda e Come l’acqua per gli elefanti e per l’occasione filmerà la sceneggiatura che verrà scritta da Michael Arndt, autore molto apprezzato che ha già vinto l’Oscar nel 2006 per Little Miss Sunshine.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009