Spirit – Il ribelle: il nuovo film d’animazione in uscita a giugno

Di , scritto il 06 Maggio 2021
Spirit - Il ribelle

La pellicola, sequel di Spirit – Cavallo selvaggio (2002), è il remake cinematografico della prima stagione della serie animata Spirit: avventure in libertà. Infatti, Spirit – Il ribelle, è il titolo della nuova avventura targata DreamWorks Animation e la regista è Elaine Bogan. Il co-regista è Ennio Torresan mentre la colonna sonora del film è stata curata dalla compositrice Amie Doherty. La protagonista, una tenace ragazza di nome Lucky, desidera un posto a cui appartenere e scopre uno spirito affine quando incontra Spirit, un cavallo selvaggio.

Spirit – Il ribelle: la trama

Lucky Prescott non ha mai conosciuto la sua defunta madre, un’impavida stuntwoman cavallerizza di Miradero. Come sua madre, Lucky, non è una ragazza rispettosa di regole e restrizioni e questo causa a sua zia Cora molte preoccupazioni. La ragazza ha vissuto la sua infanzia in una città della costa orientale degli Stati Uniti fino a quando la zia e il padre decidono di trasferirsi a Miradero. È proprio in questa piccola città ai confini della frontiera, che Lucky incontra Spirit, un mustang ribelle che condivide con lei la sua vena indipendente.

Quando un addestratore senza cuore pianifica di catturare Spirit e la sua mandria, Lucky riunisce i suoi nuovi amici e si addentra in questa avventura per salvare il suo amico. Vuole aiutare Spirit, il cavallo che le ha dato libertà e coraggio per riscoprire l’eredità messicana della madre.

Tra i protagonisti del cast: Eiza Gonzàlez, Jake Gyllenhaal, Isabela Moner, Walton Goggins e Mckenna Grace. Il film verrà distribuito nelle sale cinematografiche a partire dal 17 giugno 2021. 


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009