Biutiful è tutto Bardem

Di , scritto il 06 Febbraio 2011

Biutiful di Alejandro Inarritu è un canto sulla cognizione del dolore, una ballata di morte con protagonista un titanico Javier Bardem, già premiato a Cannes e candidato all’Oscar per la sua viscerale e intensa interpretazione di Uxbal.

L’uomo a malapena sopravvive di mediazioni tra i vivi e i morti, dei quali ascolta la presenza in una vita vissuta tra le vie di una Barcellona resa immagine di miseria e sopraffazione. Non la città di suoni e luci, ma quella oscurante misura di una megalopoli, come tante altre, dove convivono razze e malaffari. Neri che spacciano, prostituzione, ambulanti che vendono merci contraffatte opera di cinesi segregati nelle cantine o destinati a lavori in nero sulle impalcature dei cantieri. Uxbal tenta la lotta per sé e per destreggiarsi al meglio tra una moglie maniaco depressiva e due figli che adora. Quando scopre di essere malato terminale vede con apprensione e sgomento la fragilità di quel sottobosco dove il futuro è un lusso e ogni alba è solo un nuovo maledetto presente.

Con Biutiful Inarritu tenta la strada da solo, senza il supporto di Guillermo Arriaga, al quale deve molto per i meriti di film come Babel e 21 Grammi. Certamente la scrittura di Arriaga è forte, drammaticamente assorta nella sua visione del destino che svolazza come una falena impazzita sulle le vite inconsapevoli degli umani, irridendoli.

Inarritu impone comunque un suo proprio personale disegno con adeguata forza espressiva, giocata tutta sulla drammatica e tenerissima interpretazione di Bardem. La sceneggiatura risulta forse più esile rispetto a quelle condivise con Arriaga, ma Inarritu cresce da solo e si dirige con passo sicuro verso una scrittura che certamente farà sua, raccontando altre e altre storie di uomini che sanno di correre nella vita, inesorabilmente, inequivocabilmente, soli.

Dario Arpaio


1 commento su “Biutiful è tutto Bardem”
  1. […] Biutiful propone un Bardem in stato di grazia e un Inarritu finalmente più preoccupato di quel che racconta piuttosto del come raccontarlo e dei trucchi e incastri di montaggio. Il suo è un viaggio nel dolore e nella perdita che sembra senza speranza eppure, proprio al culmine di quel viaggio, mostrare che un uomo quando sta per perdere tutto cerca ancora di avere tutto è una lezione commovente, resa ancora più intensa da un Javier Bardem che già con Il Mare Dentro avevamo trovato alle prese con la morte: lì la desiderava, qui è costretto ad accettarla. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009