«Ultimo Piano», un racconto collettivo di fine studi

Di , scritto il 05 Dicembre 2019

Ultimo piano è un film diretto da nove giovani registi e sceneggiato da otto altri allievi della scuola Gian Maria Volonté che posano lo sguardo sul loro stesso universo per dar vita a un racconto sincero e pregnante su una generazione che vive nella precarietà ma non si arrende.

È una storia delicata di quattro ragazzi che vivono all’ultimo piano di un condominio fatiscente e sono impreparati di fronte a un mondo più brutale di quanto credessero. Diana, studentessa al primo anno di Giurisprudenza arrivata da poco in Italia dall’Ucraina, Mattia che fa il rider, Flora, giovane barista che deve fare i conti con il ritorno nella sua vita del figlio cresciuto con il padre. E poi c’è il proprietario di casa, Aurelio, ex cantante punk, che abita con loro e non esce di casa da 25 anni, barricato nei ricordi della sua band. I giovani si guardano intorno, nella Roma diroccata, tra San Lorenzo e Tor Marancia, ma senza pensare al futuro che fa paura. La vita e le fragilità di questi quattro personaggi si intrecciano, così come dialogano le scritture e i punti di vista. Il film è stato molto ben accolto al Festival del Cinema di Torino e alla proiezione romana di sabato 30 novembre al Nuovo Cinema Sacher.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009