Joaquin Phoenix lascia il cinema per la musica

Di , scritto il 03 Novembre 2008

Joaquin PhoenixLo si poteva già capire dalle parole che Joaquin si è tatuato sulle nocche durante la presentazione del suo ultimo film, Two Lovers. C’era scritto Good Bye e l’attore ha mantenuto le promesse: abbandona il mondo del cinema per intraprendere una carriera musicale.

34 anni e tanti ottimi film in curriculum, Joaquin Phoenix evidentemente non trova più gli stimoli di un tempo, i soldi non gli mancano e può quindi dedicarsi con serenità ad altre attività, probabilmente meno stressanti e più importanti per lui. Ha imparato a suonare e cantare durante le riprese di Walk the line (Quando l’amore brucia l’anima) e ora intende suonare e dirigere video musicali.

Peccato, il cinema perde uno dei suoi giovani più promettenti, un attore dal volto leggermente irregolare, di certo non una bellezza classica ma molto, molto intenso e con uno sguardo al laser capace di mille espressioni.
Rimangono una manciata di splendide pellicole e due Oscar sfiorati. Dal tormentato Commodo ne Il Gladiatore a Signs, da Lucius Hunt in The Village fino alla controversa interpretazione in Walk the line, erano in molti a vedere nel giovane Phoenix una delle migliori promesse del cinema.

Qui in Italia potremo ammirarlo ancora in due ruoli in film che stanno per arrivare in distribuzione: Reservation Road e Two Lovers, appunto. Dopo si chiude e potremo ammirarlo solo noleggiando qualche suo dvd.
Auguri per la carriera musicale, Mr Phoenix!

Vi regaliamo una sua interpretazione, Home of the blues.


1 commento su “Joaquin Phoenix lascia il cinema per la musica”
  1. […] una Brooklyn cupa, dal cielo perennemente offuscato, proprio come l’animo dei protagonisti, Joaquin Phoenix e la deliziosa e intensa Gwyneth […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009