Paul Greengrass vuole Forest Whitaker per il suo film su Martin Luther King

Di , scritto il 31 Maggio 2013

Forest_Whitaker_Memphis_Paul-GreengrassMemphis, la pellicola biografica su Martin Luther King fortemente voluta da Scott Rudin e Paul Greengrass, non ha certo avuto vita facile e l’abbandono della Universal circa due anni fa aveva fatto temere il peggio.

Scritto da Greengrass, che ne sarà anche il regista, Memphis non è un film tenerissimo nei confronti di Martin Luther King e si concentra sulla fase finale del notissimo attivista statunitense, ovvero il periodo immediatamente precedente alla sua morte.
Il pastore stava vivendo un momento difficile, fra il fallimento del matrimonio e molte incertezze sul suo ruolo e sul futuro degli USA.

Ne esce quindi un ritratto non privo di ombre che non deve essere piaciuto agli eredi di Martin Luther King, che stanno seguendo un progetto simile in casa DreamWorks.
L’uscita di Universal dal progetto ha costretto quindi Rudin e Greengrass a collocarsi in una dimensione più ridotta e indipendente e il regista ha fatto sapere che userà all’incirca lo stesso metodo adottato per il suo precedente United 93.

Nonostante una produzione meno importante Memphis potrebbe però aver trovato la chiave per il successo: Forest Whitaker sembra molto interessato al ruolo e ne sta discutendo con il film maker. Si tratterebbe di un gran colpo sia per quanto riguarda l’aspetto qualitativo, visto che le capacità di Whitaker non sono certo in dubbio, sia dal punto di vista della pubblicità.

Whitaker, che ha già ottenuto un Oscar interpretando un leader politico (il dittatore Idi Amin ne L’ultimo re di Scozia) potrebbe provare a bissare mettendosi nei panni di Martin Luther King…



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009