Leo, da bravo, posa il martello…

Di , scritto il 30 Aprile 2012

Django_Unchained_Leonardo_DiCaprioMancano ancora parecchi mesi alla distribuzione in sala di Django Unchained: lo spaghetti western di Quentin Tarantino uscirà il giorno di Natale 2012 come grande regalo di fine anno per tutti i cinefili e ogni settimana ormai escono foto, anticipazioni, interviste e indiscrezioni che ci permettono sempre di più di comprendere meglio il film.

La foto che vedete qui a lato ha fatto il giro della Rete qualche giorno fa e ci piace riproporvela ora, ritrae Leonardo DiCaprio nei panni del proprietario terriero che tiene come schiava la moglie di Django e che dovrà confrontarsi con l’ex schiavo e il suo maestro cacciatore di taglie.
Splendido lavoro sui costumi, la giusta espressione fra il malvagio e il vizioso, sigaretta con bocchino e giacca rossa: DiCaprio sembra perfetto nel ruolo e si apre per lui una possibile serie di ruoli da «cattivone» che potrebbe consacrarlo ancora di più quale star di prima grandezza.

La trama è ben nota e vede Django (Jamie Foxx) come un ex schiavo che, grazie agli insegnamenti di un dentista trasformatosi in cacciatore di taglie (Christoph Waltz) che lo ha liberato, diventa anche lui specializzato nel dar la caccia a criminali e fuorilegge. Così, dopo aver aiutato per qualche tempo il suo maestro in alcuni incarichi, giunge finalmente il momento per lui di mettersi alla ricerca di sua moglie (Kerry Washington), ancora schiava, per cercare di liberarla dal padrone (Leonardo DiCaprio), uno spietato proprietario terriero.

Impressionante il cast messo insieme per l’occasione: Jamie Foxx, Kerry Washington, Leonardo DiCaprio, Don Johnson, Christoph Waltz, Kurt Russell, Samuel L. Jackson e Anthony LaPaglia.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009