Invictus: Clint Eastwood e il suo rugby contro l’apartheid

Di , scritto il 28 Ottobre 2009

Invictus_Clint_Eastwood_Matt_Damon_Morgan_freeman_poster_image_immagineVi avevamo già parlato in precedenza, su queste pagine, del sodalizio che si è formato fra Clint Eastwood e Matt Damon che, al momento, stanno lavorando al loro secondo film di fila passando da una storia di razzismo e sport a un thriller soprannaturale.

Ora però è spuntato il primo trailer ufficiale di Invictus, evento che ci offre l’opportunità di dilungarci un po’ di più su questa nuova regia dell’ottimo Eastwood che uscirà a dicembre in USA.

Invictus affronta un periodo molto particolare della storia del Sud Africa: Nelson Mandela è già Presidente ma questo non significa automaticamente la scomparsa di razzismo e apartheid, servono mosse a 360 gradi e una continua attenzione su ogni aspetto della società.

Ecco quindi che Mandela decide di approfittare di uno dei linguaggi più universali e condivisi al mondo, insieme alla musica: lo sport. In occasione del campionato mondiale del 1995, Mandela chiederà a Francois Pienaar, noto giocatore bianco della nazionale, un contributo fattivo nella lotta contro l’apartheid.

Matt Damon veste i panni di Francois Pienaar mentre, scelta quasi obbligatoria, Morgan Freeman interpreta Nelson Mandela. Seguendo questo link potrete apprezzare il trailer e quindi dire la vostra in fase di commento. Vi sono piaciuti gli ultimi film di Eastwood o avvertite una certa flessione nel suo modo di narrare e filmare?


1 commento su “Invictus: Clint Eastwood e il suo rugby contro l’apartheid”
  1. […] di Jesse Eisenberg, Woody Harrelson, Isla Fisher, Dave Franco, Mark Ruffalo, Melanie Laurent, Morgan Freeman e Michael […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009