Rodriguez fra fuoco e ghiaccio

Di , scritto il 26 Aprile 2012

Fire_Ice_Robert_Rodriguez_Remake_RotoscopePeriodo intensissimo per Robert Rodriguez che da tempo di ha abituato a momenti di grande creatività durante i quali è capace di lavorare a più progetti in contemporanea o quasi.

Dopo avervi parlato di Machete Kills e del film che comincerà a girare subito dopo, ovvero Sin City: A Dame to Kill For, ecco che il frenetico film maker ha annunciato di essere molto avanti con la stesura dello script di Fire and Ice, ovvero il remake del noto film a cartoni animati diretto da Ralph Bakshi con disegni del grande Frank Frazetta realizzati usando il metodo Rotoscope, che è una tecnica che consiste in pratica nel ricalco di scene precedentemente realizzate con attori umani e fornisce un tocco molto realistico al disegno.

Proprio questo metodo deve essere stato il maggiore stimolo per Rodriguez, che ci vede in sostanza qualcosa di simile con il suo green screen impiegato al tempo per Sin City e che tornerà a usare in questo remake.

Fire and Ice segue i canoni di certa narrativa fantasy, con lo scontro fra due culture diverse fra loro, da un lato i primitivi abitanti del Picco del Ghiaccio, guidati dalla Regina Juliana e da suo figlio Nekron e dall’altro quelli della Torre del Fuoco, comandati da Re Jarol.
I primi hanno padronanza sulla magia e possono muovere interi ghiacciai mentre il popolo del Fuoco è più tecnologico e ha a disposizione enormi pterodattili.
Toccherà a un gigantesco guerriero, Darkwolf, aiutato dal giovane Larn, salvare la principessa Teegra da Nekron e decidere le sorti dello scontro.

Machete Kills, Fire and Ice e Sin City 2: per i fan di Robert Rodriguez si prospetta un periodo felice e intenso.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009