La La Land: il film con Ryan Gosling e Emma Stone che ha vinto sette Golden Globe

Di , scritto il 20 Gennaio 2017

La La Land arriva nelle sale italiane forte del trionfo ai Golden Globe. Su sette nomination ottenute, il film di Damien Chazelle le ha conquistate tutte: Miglior film commedia o musical, Miglior regista, Miglior attore e attrice in un film commedia o musicale, Miglior sceneggiatura, Miglior colonna sonora originale e per finire Miglior canzone originale. E anche per gli Oscar 2017, La La Land è tra i favoriti.

Si tratta di un musical nel senso classico del termine, ma allo stesso tempo è attuale e non cede a facili nostalgie e riesce nell’intento di essere “credibile” anche nei suoi momenti più posticci. Buona parte della riuscita di La La Land si deve al grande amore di Chazelle per la musica, oltre che per il cinema e la sua storia.

Ma, ovviamente, senza due protagonisti di primissimo livello come Emma Stone e Ryan Gosling nulla di tutto questo sarebbe stato possibile. L’affiatamento tra i due è evidente e funziona anche nei momenti musicali, dove i due possono sfogare il proprio talento di performer.

Questa la sinossi del film:
Los Angeles. Mia (Emma Stone) sogna di poter recitare ma intanto, mentre passa da un provino all’altro, serve caffè e cappuccini alle star. Sebastian (Ryan Gosling) è invece un pianista jazz che si guadagna da vivere suonando nei piano bar in cui nessuno si interessa a ciò che propone. I due si scontrano e si incontrano fino a quando nasce un rapporto che è cementato anche dalla comune volontà di realizzare i propri sogni e quindi dal sostegno reciproco. Il successo arriverà ma, insieme ad esso, gli ostacoli che porrà sul percorso della loro relazione.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009