American Sniper trova Sienna Miller

Ogni nuovo film di Clint Eastwood è sempre e comunque una notizia, a prescindere dalla qualità del prodotto finito, e American Sniper aveva bisogno proprio di Eastwood per diventare una certezza e passare dalla lunga fase in cui è stato solo uno script a quella in cui diventerà una pellicola su grande schermo.

La sceneggiatura, voluta da Bradley Cooper e scritta da Jason Dean Hall, è tratta dal libro autobiografico di Chris Kyle, un Navy SEAL che ha il dubbio merito del record di uccisioni confermate quale cecchino esperto, uno “sniper”, appunto.
Cooper ha subito voluto il ruolo per sé, mettendo le mani in pasta anche a livello produttivo, ma per parecchio tempo la sceneggiatura ha fatto il giro di diverse scrivanie (David O. Russell, Steven Spielberg…) senza mai diventare realtà.

Ma con l’entrata in scena di Clint Eastwood il progetto ha cambiato ovviamente marcia: il regista è noto per una certa tendenza a completare le pellicole in tempo e di solito con un budget minore rispetto a quello previsto, ecco quindi che ci ritroviamo a meno di un mese dall’inizio delle riprese e American Sniper ha trovato la sua star femminile, la bravissima Sienna Miller che vestirà i pani della moglie di Kyle.

La Miller purtroppo, nonostante una bravura e una bellezza fuori dall’ordinario, non trova con facilità molte parti interessanti e paga forse l’incarnare in qualche modo la figura della star bionda, delicata e quasi nobile che troverebbe ora in Hitchcock il suo naturale “padrino” e che sembra un po’ fuori dall’epoca contemporanea.

L’attrice ha comunque qualche progetto in cantiere (Business of Pleasure, Foxcatcher…) e contiamo quindi di vederla spuntare più spesso sui grandi schermi delle nostre sale.