Il ricco, il povero e il maggiordomo: la favola scacciacrisi di Aldo, Giovanni e Giacomo

Di , scritto il 12 Dicembre 2014

Il ricco il povero e il maggiordomoEra praticamente impossibile che il contesto di crisi in cui viviamo da anni non finisse per contaminare la trama del nuovo film di Aldo, Giovanni e Giacomo. Il ricco, il povero e il maggiordomo, che arriva a quattro anni dall’ultimo campione di incassi (La banda dei Babbi Natali) è un gran divertimento, anche se intonato al tema della recessione. Nel film Giacomo veste i panni di un operatore finanziario che è incappato in una disavventura africana ed è finito sul lastrico – pur avendo una consorte ricchissima, piena di botulino e con megavilla sul lago. Giovanni è invece il suo maggiordomo: sembra docile, ma è pronto a farsi valere, grande esperto nell’uso della katana e innamorato perso della cameriera sudamericana Dolores. Aldo è invece un bambinone che vorrebbe fare l’ambulante, sonnambulo, figlio di una matrona vedova che decide per lui (la bravissima Giuliana Lojodice). Paradossalmente le donne lo adorano, mentre lui ne è spaventato a morte. Siamo ancora una volta di fronte al gioco dei contrasti e degli scambi tra le classi sociali che richiama pellicole passate alla storia come Una poltrona per due. Il finanziere è costretto ad adattarsi all’ospitalità di due poveracci. Ma c’è bisogno di un garante per il prestito per il povero Giacomo: ci pensa Aldo, che indossa baffi finti e si traveste da petroliere azero con la missione di sedurre la donna che potrebbe mettere la firma utile: Francesca Neri.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009