Steve McQueen e Michael Fassbender si riuniscono in Shame!

Di , scritto il 12 Novembre 2010

Qualcuno fra i nostri lettori ha avuto occasione di vedere Hunger, un film del 2008 che ritraeva, con toni crudi e drammatici, la situazione dei detenuti repubblicani nelle carceri dell’Irlanda del Nord?

In quel film, diretto da Steve McQueen, un giovane Michael Fassbender che ancora non era diventato famoso, interpretava il personaggio principale, Bobby Sands, un detenuto che per protesta comincia uno sciopero della fame che lo porterà, nel giro di una sessantina di giorni, alla morte.

Grande prova sia del regista che dell’attore, con al centro dell’attenzione il corpo, le sue potenzialità, i suoi modi espressivi e i cambiamenti che esso può subire.
Ora i due tornano a lavorare insieme per un titolo che promette di essere altrettanto scabroso, interessante, provocatorio e potente.

Si tratta di Shame, scritto da Steve McQueen insieme ad Abi Morgan e il soggetto riguarda un trentenne letteralmente incapace di controllare i suoi appetiti sessuali, dipendente dal sesso, una situazione molto d’attualità in questi anni, come parecchi fatti di cronaca riportano.

La situazione di Brandon, il protagonista che sarà interpretato da Michael Fassbender, diventerà ancora più grave e problematica quando sua sorella minore andrà a vivere per un certo periodo nel suo appartamento…

Visto l’ottimo livello qualitativo di Hunger e la capacità del regista di saper colpire e ragionare su argomenti molto importanti e “scandalosi” senza però mai risultare volgare, ci aspettiamo tantissimo da questo Shame, di cui per ora vi presentiamo un poster promozionale.

Rimanete sintonizzati per leggere di futuri sviluppi di questa pellicola!



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009