Cattive notizie per il sequel di Blade Runner?

Di , scritto il 04 Giugno 2013

Blade-Runner_Sequel_Ridley-ScottForse non bisognerebbe cominciare già a preoccuparsi, visto che il progetto è ancora parecchio distante nel tempo e può accadere di tutto, ma alcune delle notizie riguardanti il sequel di Blade Runner, messo in cantiere da Ridley Scott nella doppia veste di produttore e regista, non convincono più di tanto.

Se già molti fan sono piuttosto preoccupati per la riuscita del film visto il risultato non proprio brillante ottenuto a suo tempo dallo stesso Scott con Prometheus, c’è ora da registrare un cambio della guardia per quanto concerne la sceneggiatura: lo script originale di Hampton Fancher a quanto pare non deve aver convinto la produzione e ora è stato chiamato Michael Green a riscrivere il tutto.

Potrà sembrare una cosa da poco ma tenete conto di questo: mentre Fancher ha scritto il primo Blade Runner e ha sempre seguito vita e opere di Philip K. Dick, Michael Green ha invece contribuito al copione di Lanterna Verde o di lavori televisivi quali The River, Everwood, Heroes e Smallville.
Ognuno di voi, a fronte di queste differenze, saprà farsi i suoi conti da spettatore e decidere se questo cambio di scrittori sia un bene o un male.

Ci vorrà comunque, come detto, ancora parecchio tempo prima che Ridley Scott si metta al lavoro su questo film, visto che ha ancora alcune produzioni da curare nei prossimi mesi e il suo film su Mosè, Exodus, da portare in sala entro dicembre 2014.


1 commento su “Cattive notizie per il sequel di Blade Runner?”
  1. Marco ha detto:

    Blade Runner..uno dei film preferiti dagli appassionati di fantascienza…”ho visto…”..sarebbe un peccato rovinarne il ricordo..


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloCine.it – Guida e suggerimenti su cosa vedere al cinema supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009